Martin Basile · Rapper colto​

Magister di Kalokagathia ed Arbiter Elegantiae.
Ambasciatore dell’IPERURANIO in Italia.

Guarda tutti i videoclip su youtube.

Rapper colto, come definito dalla stampa, Martin Basile è fine autore e compositore. I suoi brani di forte influenza classicista, esprimono l’amore per l’IPERURANIO, da cui ha origine, e raccontano il potere creatore della kalokagathia, ideale di perfezione umana.



Biografia

Si narra che Martin Basile sia stato immaginato il 21 marzo 1992 da due ignoti benefattori genovesi che si aggiravano nell’IPERURANIO.

Sono reperibili pochissime notizie sulla sua infanzia, ma è certo che all’età di otto anni disse “pantagruelico” due volte. Secondo le prime testimonianze, giunto sulla terra, intraprese clandestinamente la carriera di cantautore nel 2007.

Durante il 2010 Martin curò un porcospino raffreddato e la produzione di diversi album di rapper emergenti, ma soprattutto della compilation Rappy Christmas, alla quale parteciparono, tra gli altri: Rayden (One Mic), Amir, Hyst e Babbo Natale. Si racconta che proprio in questo periodo apparì all’apertura di concerti di alcuni rappers più anziani (Vacca, Club Dogo, Emis Killa, Shade, etc.)

Ad inizio 2011 uscì Esaurito Mixtape, una raccolta di figurine, collaborazioni, registrazioni dal vivo e brani inediti. Nello stesso anno mobilitò un gruppo di musici noto come Butter Pasta, dando alla luce Improvvisazioni culinarie.

Il periodo Neo Soul

Nel maggio 2014, Martin ed i Butter Pasta sono incoronati vincitori del concorso Toscana Selection, grazie ad una magistrale esecuzione di Affogarti nei fiori. Presentando lo stesso brano, vincono anche il concorso Sotto Toni di Concordia Saggittaria (VE) nell’ottobre dello stesso anno. Martin è poi concorrente dell’ottava edizione di X Factor Italia in duo con la cantante Diandra Delfino.

Nel giorno del suo ventitreesimo compleanno pubblica il lato A di Kalokagathia, doppio EP scritto, composto e registrato durante il 2014. Il lato B di Kalokagathia esce a fine estate.

Sul web l’album totalizza oltre centomila ascolti. Per la critica: un progetto davvero eccezionale, articolato e complesso, solare ed intimista, che necessita ben più di un ascolto. L’album coniuga infatti un’immaginario preso in prestito alla poesia italiana del primo Novecento a sonorità Neo Soul, ispirate agli album di J Dilla e i Soulquarians.

Nel 2016 Martin lancia sul web il format SeminterRap. A maggio, accompagnato da Enrica Capilli (vocalist) e Jaws (dj) è vincitore del premio Emanuela Pedulà per il migliore brano originale con Mangiatene tutti; e del primo premio Maia Records.

La svolta trap

L’8 gennaio 2017 pubblica l’EP All you can eat, accompagnato dal videoclip del singolo Emily Ratajkowski. I brani dell’EP mantengono una forte influenza soul, pur dando spazio a ritmi prevalentemente trap. Dall’album sono estratti i video di Anacronista, Il mare al pianoterra e All You Can Eat.

A cavallo tra il 2017 ed il 2018, Martin Basile pubblica alcuni singoli che inaugurano una nuova maniera di poetare ispirata dalle muse dei classici latini, ma allo stesso tempo vicina alla sensibilità dei grandi pensatori della trap italiana. I due singoli di spicco sono ZIBALDONE Freestyle e Pochette 財布. Tra gli altri titoli: Telefonate con Silvio, Giorgio Caproni e Ugo Foscolo.

Il brano L'infinito , prodotto da Nembo Kyd, è presentato al festival internazionale della poesia, durante un evento dedicato, dal poeta Davide Rondoni, al duecentenario della poesia L’infinito di Giacomo Leopardi.  Sia L'infinito che ZIBALDONE Freestyle entrano nella classifica radiofonica Indie Music Like. Questi brani anticipano l’uscita di un album prodotto da Neverland Records, che vedrà la luce nel 2019.

Nell’estate del 2018 Martin Basile si esibisce al Goa-Boa Festival in apertura a Caparezza, Mudimbi e Voina.

L’attuale produzione letteraria di Martin è caratterizzata da un profondo interesse filosofico (etica, politica, alta cucina) e da un intenso labor limae. Il suo pensiero fortemente deterministico prende spunto dalla filosofia stoica, da David Hume e Antonella Clerici.